Svedese - Stefano Mostardini - massaggi professionali

Operatore in
Massaggio Professionale
Stefano Mostardini
Massaggi Professionali
Massaggi Professionali
STEFANO MOSTARDINI
Massaggi Professionali
Vai ai contenuti

Menu principale:

Svedese

Tecniche
Il massaggio svedese viene a tutti gli effetti considerato la “base” delle tecniche di massaggio, e contempla diverse tipologie di movimenti; nonostante il nome, curiosamente, non si tratta di una tecnica che arriva dalla Scandinavia. Il suo scopo è il rilassamento psicofisico e il benessere dell’organismo, ed in questa guida scopriremo le origini, le tecniche distintive e i numerosi effetti benefici legati al massaggio svedese, con una precisazione riguardante anche le sue controindicazioni.
LE TECNICHE CARATTERISTICHE DEL MASSAGGIO SVEDESE
Il massaggio svedese comprende un insieme di tecniche di base che vengono impiegate anche nell’insegnamento generale del massaggio professionistico. Nonostante sia diventato con il passare del tempo una sorta di “punto di partenza” per l’apprendimento, il massaggio svedese è tutt’altro che una tecnica ad uso semplicemente didattico. Esistono infatti centinaia di diverse varianti di questo trattamento, che però si rifanno tutte a sei movimenti “classici”, rappresentati da:
  • Sfioramento (effleurage): è la tecnica che la maggior parte delle persone probabilmente associa al massaggio in generale e, più nello specifico, a quello svedese. Si tratta infatti di movimenti lunghi ed ampi che vanno a sfiorare progressivamente la superficie di più zone del corpo. Nonostante una sensazione piuttosto comune riferita da chi si sottopone a questi movimenti sia di qualcuno che tenta di “smontare” i muscoli, in realtà queste tecniche sono finalizzate a migliorare la connessione fra le diverse aree del corpo.
  • Frizione (friction): si tratta di movimenti circolatori decisi e vigorosi il cui scopo è quello di riscaldare (grazie all’attrito prodotto) l’area da trattare, rilassando la muscolatura e liberandola dalle rigidità. Il terapista solitamente utilizza il palmo della propria mano per strofinare in modo energico la superficie del corpo del cliente; molto spesso il massaggiatore strofina vigorosamente le mani tra loro per poi appoggiarle sulla zona da trattare.
  • Impastamento (petrissage): consiste nella manipolazione dei muscoli attraverso movimenti molto simili a quelli che si compiono per impastare una miscela di acqua e farina. Questa tecnica non è specifica per nessuna particolare area del corpo, ma attraverso la decontrazione dei muscoli permette all’azione del massaggio di penetrare più in profondità.
  • Tamburellamento (tapottement); questa tecnica consiste in picchiettamenti e percussioni che servono a dare energia alla parte del corpo trattata; allo stesso tempo, la zona viene liberata dalla tensione e dallo stress. Per eseguire questi particolari gesti, il massaggiatore utilizza il taglio delle mani, i pugni chiusi o le mani “a coppa”; i movimenti sono ritmici e in rapida sequenza.
  • Vibrazione (vibration): consiste nel rapido scuotimento e vibrazione dei muscoli, eseguita con la parte della mano prossima al polso, il taglio della mano o talvolta anche i polpastrelli. Il movimento consiste nel passaggio ripetuto, avanti e indietro, allo scopo di rilassare i muscoli di una particolare area del corpo.
  • Trazione (traction): il massaggiatore letteralmente “tira” le braccia, le gambe e talvolta anche la testa del cliente, in una sorta di stretching passivo che permette l’allungamento della muscolatura. Questa tecnica viene sempre eseguita durante la parte finale della seduta di massaggio, dal momento che è possibile solo quando la muscolatura è rilassata e priva di qualsiasi tensione. Se così non fosse, la trazione sarebbe molto dolorosa per il cliente, e praticamente impossibile da compiere.
Il massaggio svedese si basa su movimenti che applicano una pressione direzionata secondo il flusso di sangue venoso (che ritorna al cuore); tali gesti permettono di stimolare la corretta circolazione sanguigna. I movimenti possono essere lenti e delicati, oppure al contrario vigorosi e intensi: tutto dipende dallo stile personale del terapista e, naturalmente, dagli scopi che egli intende raggiungere. Per compiere questi movimenti vengono prevalentemente utilizzati mani, avambracci e gomiti.

STEFANO MOSTARDINI
50050 Cerreto Guidi (FI)  -  Via Turribina, 86
p. IVA. 06729630480
cod. fisc. MSTSFN71E08D815U

STEFANO MOSTARDINI
Via Torribina, 86
50050 Cerreto Guidi (FI)
Massaggi Professionali
Torna ai contenuti | Torna al menu